iPhone X, cronaca di un debutto annunciato

Pubblicato il: 13/09/2017
Autore: Alessandro Andriolo

Tim Cook, e soci, hanno svelato Watch Series 3, Apple Tv 4K, la doppietta iPhone 8 e 8 Plus e infine, dopo oltre un’ora di evento, è stato il momento dell’iPhone X: lo smartphone con schermo Oled edge-to-edge da 5,8 pollici, riconoscimento FaceId e molto altro. Prezzo, da 999 dollari.

Tim Cook, visibilmente emozionato, ha accolto il mondo, dal vivo e in streaming, per la prima volta all’interno del Steve Jobs Theater di Cupertino. Anzi, la prima voce a essere udita non poteva che essere quella del fondatore di Apple, scomparso prematuramente nel 2011.
“Abbiamo dedicato questo teatro a Steve perché gli volevamo bene e perché amava giorni come questo” ha commentato dal palco Cook, aggiungendo che per il colosso californiano è obbligatorio “onorare un genio come lui”. E in un “giorno come questo”, in cui la Mela ha deciso di svelare anche il proprio nuovo quartier generale (alimentato completamente da energia rinnovabile), è arrivato l’attesissimo iPhone X.
Ma prima c’è stato spazio per la terza generazione di Apple Watch: dal lancio della seconda serie del dispositivo, avvenuta nel 2016, le consegne sono cresciute del 50 per cento rispetto all’anno precedente. Apple Watch è diventato così l’orologio più venduto al mondo, avendo superato anche il brand Rolex.
Il focus è ancora la salute, con gli allenamenti e la forma fisica in primo piano. Al cuore del device c’è sempre il sensore per il battito cardiaco (il più utilizzato al mondo secondo l’azienda). È ora possibile visualizzare il numero di battiti sulla schermata principale semplicemente alzando il polso, con l’orologio che è in grado di allertare l’utente quando la frequenza a riposo aumenta improvvisamente senza un motivo. Con la funzione Heart Rythm il Watch può anche monitorare situazioni potenzialmente pericolose, come la fibrillazione atriale.
Con l’applicazione Apple Heart Study, realizzata in partnership con Stanford, i dati registrati dallo smartwatch potranno analizzare altri eventi, come l’aritmia. Scaricando l’applicazione, disponibile a breve nello store statunitense, si potrà partecipare allo studio. Ma quello che interessa di più è sicuramente la carrellata di novità di design e dal punto di vista hardware.
La prima è che la Series 3 presenta connettività Lte integrata e non è quindi più necessario collegarla all’iPhone. 
 Si possono così ricevere telefonate (usando lo stesso numero di telefono), utilizzare le mappe per la navigazione. La seconda è l’integrazione con Apple Music, che permetterà di effettuare lo streaming sul dispositivo di ben 40 milioni di brani. Apple ha utilizzato inoltre un nuovo processore a doppio core con il 70 per cento di potenza maggiore, mentre il chip wireless W2 consuma il 40 per cento in meno di energia. È presente anche un altimetro per le persone che utilizzano l’orologio durante le arrampicate o sciando.Ma lo spessore della cassa non è aumentato. La Mela ha sfruttato direttamente lo schermo per integrare l’antenna e, sotto il display, è presente una Sim elettronica: in questo modo i modelli della Series 3 hanno le stesse dimensioni della generazione precedente. Il progetto della e-Sim è interessante perché è molto probabile che in futuro Apple lo riprenderà per gli iPhone.In arrivo anche nuove colorazioni, come il grigio scuro (con il case in ceramica), e cinturini eleganti o sportivi. Apple promette 18 ore di utilizzo continuato.
La versione cellular costerà 399 dollari, quella solo Wifi invece 329. Quattordici carrier di nove Paesi supporteranno il device al lancio, anche se l’Italia non figura. Ovviamente il nostro Paese è però presente nell’elenco della disponibilità: gli ordini della Series 3 scatteranno il 15 settembre, con arrivo sul mercato il 22.  
Tim Cook ha introdotto anche Apple Tv 4K. La soluzione della Mela, descritta nel dettaglio da Eddy Cue, supporta sia la risoluzione 4K sia l’Hdr, una caratteristica già comune sugli ultimi televisori in commercio. Anche tutta l’interfaccia utente del software è stata riprogettata ad altissima risoluzione. Al cuore dell’Apple Tv batte il processore A10x, lo stesso dell’iPad Pro, con prestazioni grafiche quattro volte superiori rispetto alla generazione precedente.I film in 4K avranno lo stesso prezzo di quelli in Hd. Senza costo ulteriore, inoltre, i titoli in 4K verranno aggiornati con l’Hdr e sullo store arriveranno anche film e serie originali di Netflix e Amazon, oltre a numerosi eventi sportivi. I prezzi partiranno da 179 dollari, con ordini dal 15 settembre e consegne dal 22 di questo mese.

Il pezzo forte: l’iPhone X (insieme aiPhone 8 e 8 Plus)
“Niente ha mai dato così tanto potere nelle mani delle persone come l’iPhone: è impressionante vedere come sia riuscito a impattare il mondo”, ha commentato Cook risalendo sul palco. “Il primo iPhone ha cambiato il modo in cui interagiamo con la tecnologica, introducendo un magico multitouch”. E poi altre innovazioni come i display Retina, Facetime, Siri e così via. Un pizzico di retrospettiva è doveroso, ma dopo il momento nostalgico e autocelebrativo Cook è arrivato al sodo. Non con il modello tanto atteso, quello del decennale, ma con la doppietta iPhone 8 e 8 Plus, una riedizione dei modelli dell’anno scorso che prosegue sulla stessa falsariga segnata dall’avvento dell’iPhone 6. Il retro è realizzato in vetro, con finiture nuove e dorate, con alluminio di livello aerospaziale e uno strato protettivo più resistente del 50 per cento. I display sono da 4,7 e 5,5 pollici e i dispositivi sono sigillati per impedire ad acqua e polvere di penetrare.Al cuore batte un nuovo chip, chiamato A11 Bionic: presenti 4,3 miliardi di transistor, processore hexa core, con due ad alte prestazioni e quattro “cervelli” ad alta efficienza (il 70 per cento più veloci dell’A10). La Gpu è del 30 per cento più rapida. Specifiche per supportare videogiochi di nuova generazione e applicazioni basate sul machine learning.
L’iPhone 8 integra anche un Isp completamente riprogettato, con autofocus in situazioni di scarsa luminosità più veloce, un pixel processor migliore e, per la prima volta, un sistema hardware di riduzione del rumore multiband. I sensori della versione Plus hanno aperture di f1.8 e f2.8, migliori di quelli dell’iPhone 7 Plus, con una serie di filtri aggiornati. La modalità Portrait sfrutta ora un algoritmo per valutare la profondità delle scene e scegliere la luminosità migliore, con la possibilità di oscurare completamente lo sfondo dietro al volto di una persona.Dal punto di vista della realtà aumentata, una delle tecnologie più in voga del momento, i nuovi iPhone 8 e 8 Plus hanno le fotocamere calibrate per l’Ar, che funzionano anche in condizioni di scarsa luminosità e a 60 fps. Il tracciamento dei movimenti è garantito da nuovi sensori e dalla combinazione dei dati rilevati dai nuovi accelerometro e giroscopio, che funzionano in tandem con il chip A11 Bionic. L’iPhone 8 supporta finalmente la ricarica wireless, con standard Qi.Si parte da 32 GB, ma si arriva anche a 128 GB mentre l’altra variante è di 64 GB. Il prezzo di partenza è di 699 dollari.
La versione Plus sarà da 64 e da 256 GB, con un prezzo base di 799 dollari. La disponibilità è fissata per il 22 settembre, come gli altri prodotti. iOs 11 verrà rilasciato invece il 19 settembre.

Ecco l'iPhone X
E si arriva finalmente al modello tanto atteso, quello su cui Apple gioca il rilancio delle vendite dell’iPhone e che è stato scelto per celebrare degnamente dieci anni di innovazione. L’iPhone X (confermati quindi i rumors sul nome e su tantissime caratteristiche) è un “salto quantico” per Cook. Il display è edge-to-edge con vetro resistente davanti e dietro. Il profilo in alluminio spazzolato è leggermente curvo sui bordi e il dispositivo è resistente ad acqua e polvere. I colori sono due, grigio siderale e argento.
Lo schermo Oled è un Super Retina, da 5,8 pollici in diagonale e risoluzione 2.436 x 1.125 pixel (458 ppi, la maggiore di ogni iPhone). Il display supporta Hdr, Dolby Vision e Hdr10, 3D Touch e True Tone. Sparisce ovviamente il tasto Home fisico, a causa dallo schermo edge-to-edge. Per “svegliare” l’iPhone X è sufficiente fare tap sullo schermo e per passare alla schermata Home basta uno swipe dal basso verso l’alto.
Il sistema funziona con ogni app aperta. Il multitasking si attiva in modo simile, è sufficiente mantenere la pressione a metà schermo e vedere le altre applicazioni aperte.E a proposito dello sblocco? La novità è rappresentato da FaceId, una tecnologia che sostituisce il Touch Id. il TrueDepth camera system ha quattro sensori che assicurano una scansione perfetta del volto dell’utente, anche al buio e in caso di taglio di capelli diversi, presenza di occhiali o barba. La fotocamera per la realtà aumentata traccia un profilo del viso e combina i dati provenienti dagli altri componenti, con l’ausilio di un motore neurale integrato nel chip A11 Bionic (dotato di algoritmi di machine learning).
Secondo Phil Schiller il rischio di “imbrogliare” la tecnologia con fotografie non è contemplato, anche perché la prima acquisizione delle immagini rilevate dai sensori è protetta in un’enclave dedicata impenetrabile. La probabilità che qualcun altro utilizzi il proprio volto (o altro) per sbloccare un iPhone X non suo è di una su un milione, mentre con Touch Id era di uno su cinquantamila. FaceId è compatibile anche con Apple Pay per effettuare pagamenti. Il ricco set di fotocamere e sensori ha consentito alla Mela di creare le Animoji: delle emoji che “vestono” il volto della persona e si muovono con lui, adattandosi alle sue espressioni. Le fotocamere posteriori hanno sensori da 12 megapixel, sensori più ampi e veloci, nuovi filtri, profondità maggiore dei pixel e aperture di f1.8 e f2.4 che garantiscono il 36 per cento in più di luminosità rispetto all’iPhone 8. Il flash ha ora quattro Led per migliorare gli scatti al buio. La fotocamera frontale ha anch’essa la Portrait mode.
Apple promette una durata della batteria superiore di due ore rispetto a quella dell’iPhone 7, nonostante lo schermo più grande e tutto il set di caratteristiche multimediali e di sensori always-on per il riconoscimento facciale. È probabile che i miglioramenti siano arrivati via software, ma è facile che l’iPhone X abbia una batteria leggermente più capiente rispetto a quella della generazione precedente di melafonini.
Presente anche la ricarica wireless, con abbinato in opzione un tappetino basato sullo standard Qi ma customizzato: il prodotto si chiama Airpower e può alimentare più di un dispositivo alla volta, compresi gli Airpods. Una novità assoluta in questo settore. La soluzione arriverà però l’anno prossimo.
Infine uno dei punti caldi, il prezzo dell’iPhone X, che è ovviamente salato: si parte da 999 dollari per la versione da 64 GB, mentre il costo di quella da 256 GB non è stato dettagliato. Gli ordini scatteranno abbastanza avanti, dal 27 ottobre, mentre le consegne sono previste per il 3 novembre.

Categorie: Prodotti

Cosa pensi di questa notizia?

Area Social

Vota